Skip Ribbon Commands
Skip to main content

gov.mt

pr190030it

PR190030it

10/01/2019

COMUNICATO STAMPA DEL GOVERNO DI MALTA

​In risposta alle accuse del vice primo ministro italiano Matteo Salvini in merito a presunti impegni di ridistribuzione volontaria non rispettati da parte degli stati membri dell’UE, il governo di Malta desidera ricordare che diversi giorni prima di questo caso, Malta aveva coordinato il primo caso di ridistribuzione volontaria UE dalla nave Lifeline.

Dal Lifeline, l’Italia si era impegnata ad accogliere 50 migranti da Malta.

Quando si è verificato questo secondo caso e l’Italia ha richiesto il sostegno per una redistribuzione volontaria intra-UE di questi migranti, Malta è stata la prima nazione a rispondere promettendo di accogliere dall’Italia, la stessa quote che l’Italia si era impegnata in precedenza ad accogliere da Malta nel caso Lifeline.

Dopo diverse richieste da parte di Malta, quando gli esperti Italiani e Maltesi si sono finalmente riuniti per decidere le modalità di attuazione di questi impegni, si è convenuto che poiché entrambi i paesi si erano reciprocamente impegnati a trasferire ed accogliere lo stesso numero di migranti e poiché tali  migranti avevano già dovuto affrontare una traversata e un salvataggio difficile, anziché effettuare uno scambio, ogniuno dei due paesi avrebbe mantenuto 50 migranti sul propio territorio, rispettatando le rispettive quote senza effettuare concretamente lo scambio. Pertanto Malta ha trattenuto i 50 dalla Lifeline che avrebbero dovuto essere trasferiti in Italia e l’Italia ne ha trattenuti 50 dal caso di Pozzallo che avrebbe dovuto essere trasferiti a Malta.

Il governo di Malta esprime sdegno e sorpresa per le false accuse del ministro Salvini.

Malta ricorda inoltre che la Commissione Europea, che stava coordinando le modalità di queste iniziative di ridistribuzione volontaria, ritiene che sia Malta che l'Italia abbiano rispettato i loro impegni reciproci.

Il governo di Malta invita il governo italiano a rivedere I suoi dati e astenersi dal ripeterle in futuro.